White elephant 




2018




performance Anonima Kunsthalle, Varese (IT)
maschera elefante, didò
performer Giada Biaggi


White Elephant è un momento performativo di fragile contemplazione.
Un’immagine onirica, incorniciata nella sua composizione stabilisce una relazione sospesa tra sé e il tempo della fruizione: una docile e inutile attesa. 
L’azione si ispira all’espressione anglofona White Elephant, utilizzata per intendere qualsiasi progetto o bene che necessiti di cura e risorse economiche non proporzionali all’investimento iniziale. Per questo motivo, definisce l’inutilità e l’insuccesso di queste forme che, divenute obsolete, sono destinate all’abbandono. Lo status di impossibilità si congela in un’immagine senza tempo, una danza metamorfica in uno spazio dai connotati temporali indefiniti. La solitudine estraniante si esalta attraverso contorni interpretativi morbidi, disponibili a una silenziosa interazione.


White Elephant is a performative moment of fragile contemplation.
A dreamlike image framed in its composition establishes a suspended relationship between itself and the time of fruition: a docile and useless waiting. The action is inspired by the anglophone expression “white elephant”, used to mean any project, person or asset that requires care and economic resources out of proportion with the initial investment. For this reason, it is used to express their uselessness and failure. The state of impossibility freezes in a timeless image, a metamorphic dance in a space with indefinite temporal connotations. The estranging solitude is intensified through fluid interpretive layers opened up through a silent interaction.

home    about     cv    contacts