About




                                                                               
Affascinata dal tempo sospeso nel quale un’azione può essere intesa nella sua processualità, nello spazio liminale tra il tentativo di configurarsi come conclusa e la possibilità di essere in uno stato di continua metamorforsi, il mio lavoro indaga lo spazio indeterminato - inteso come necessità di un continuo traslocare da circoscrizioni che ne limitino la capacità di trasformazione. Tale condizione si concentra nella volontà di creare uno spazio attraverso il quale è possibile ripensare azioni immerse nel quotidiano utilizzando oggetti sedimentati nella memoria comune, ricontestualizzati e riformulati a partire da esigenze specifiche dettate dal tempo e dal luogo in cui lavoro. L’intento è quello di creare tempi fruibili alternativi, distanti dalle logiche efficientiste contemporanee, adoperando il fallimento, l’errore e l’incompresione come qualità estetiche e formali da approfondire e celebrare. In termini estetici perseguo un lavoro per immagini iconiche, rappresentative della cultura popolare, dell’immaginario collettivo e quotidiano, modificando lo sguardo verso oggetti appartenenti a contesti estremamente differenti, rendendoli protagonisti di azioni celebrative e ludiche, interpreti di un fallimento performativo.
I am fascinated by the suspended time in which an action can be seen in the context of its process—in the liminal space between the twin possibilities of completion and continual metamorphosis. My work explores indeterminate space: the need for constant movement to avoid the strictures which limit the capacity to transform. This condition wishes to create a space in which everyday actions can be reimagined, employing objects embedded in collective memory which are recontextualised and reformulated in keeping with the place and time in which I work. The intention is to create periods of time which can be experienced in alternative ways, far from contemporary utilitarian logic, using failure, error and misunderstanding as aesthetic and formal qualities to explore in depth and to celebrate. In aesthetic terms, my work pursues iconic images, representative of popular culture, modifying the perception of objects belonging to extremely different contexts and making them protagonists of celebratory and playful actions, interpreters of performative failure.

 





 

home    about     cv    contacts